La differenza tra scuola privata e pubblica

La struttura della scuola privata in Italia è molto differente da quella statale, oltre ad essere ancora poco diffusa, specialmente per gli studenti adolescenti. Si tratta di differenze che si evidenziano anche per i docenti, che spesso si devono rivolgere al tribunale per farsi riconoscere gli anni svolti all’interno delle scuole private.

Molto spesso quando si arriva al momento della decisione ci sono genitori e figli che sono confusi sulla differenza tra la scuola privata e quella pubblica. Le differenze tra le due scuole ci sono, nonostante ci siano anche dei punti in comune. In Italia la strada preferita dalle famiglie è quella della scuola pubblica, che viene considerata di livello superiore, soprattutto in vista della vita universitaria.

Per quanto riguarda le scuole pubbliche, sono interamente gestite dallo Stato, attraverso il MIUR, cioè il ministero dell’Istruzione. Quelle private sono gestite in autonomia da enti non legati allo Stato ed al MIUR.

Paritarie e non paritarie

Le scuole private, a loro volta, si dividono in “paritarie”, cioè quelle che svolgono un pubblico servizio, e non paritarie. Entrambe le categorie non sono gestite dallo Stato e non sono paragonabili a quelle statali come struttura.

Le scuole private che non rientrano nella categorie “paritarie” hanno una loro autonomia, perché al loro interno non c’è un controllo statale. Mandare i propri figli in una scuola non paritaria si assolve comunque l’obbligo di istruzione, con l’esame di Stato che è sostenuto alla fine del percorso, per il rilascio del diploma. Questo diploma è lo stesso che viene ottenuto dagli studenti delle scuole pubbliche.